Yasuke. Il Giappone del XVI secolo tra samurai… e mecha.

Siamo nel Giappone del XVI secolo e Oda Nobunaga è intenzionato ad unificare il Giappone sotto un’unica bandiera, ad aiutarlo un ex schiavo di colore, che ora lo serve come samurai: Yasuke – questo è il nome che Nobunaga gli da dopo aver inutilmente provato a pronunciare il nome dell’uomo – si distingue fin da subito alla corte del suo signore i cui songi di un Giappone unito però, si infrangono con la sua morte.
Al tempio di Honno – Ji infatti, nel 1582 le forze di Nobunaga sono sopraffatte da quelle del Generale Oscuro al servizio della demone Yami No Daimyo, costringendo Nobunaga a suicidarsi, ricevendo da Yasuke stesso il colpo di grazia.

Yasuke. Fotogramma da: "Yasuke"
Yasuke. Fotogramma da: Yasuke

Anni dopo Yasuke è un barcaiolo in un villaggio in cui vivono anche una donna con la figlia malata; un giorno la madre, Ichika chiede a Yasuke di portare lei e la figlia Saki da un dottore capace di curare la bambina. Durante il viaggio, il gruppo è attaccato da quattro sicari – una mutaforma, un mecha, uno stregone di colore e un’altra donna armata di una falce – incaricati da Abraham, un prete mutante che ha ambizioni di dominio sulla Chiesa cattolica e sull’intero continente europeo, di rapire la ragazza conoscendone i poteri.
Saki però, non è minacciata solamente da Abraham e i suoi scagnozzi; a darle la caccia è la stessa Daimyo interessata ai poteri della ragazza, ultimo ostacolo al suo potere assoluto e mezzo per poterlo confermare. Yasuke si trova così a dover proteggere Saki in un viaggio che si rivelerà essere molto più pericoloso di quello che pensava e che porterà il Ronin a fare i conti con i ricordi del suo passato.

Yasuke di LeSean Thomas è una serie di sei episodi che è possibile dividere in due parti strettamente collegate tra loro. Una prima parte comprende i primi tre episodi e la seconda gli ultimi tre, a collegare queste due parti sono Saki e Yasuke, i protagonisti della nostra storia. Una storia che purtroppo ha deluso le mie aspettative (forse perché erano troppo alte in partenza).

Yasuke e Saki. Fotogramma da: "Yasuke"
Yasuke e Saki. Fotogramma da: Yasuke

Fra mecha, magie, demoni e giochi di potere – il tutto “condito” con atmosfere psichedeliche – quello che risulta è un florilegio di contenuti che in partenza (a livello di soggetto) potevano essere degni di nota ma ne è risultata una serie mal gestita. Gli stessi personaggi – le cui caratteristiche psicologiche potevano essere rese molto, molto meglio – mi hanno coinvolto e convinto poco. Si salva solo Yasuke, il nostro protagonista, la cui storia ci viene raccontata fin dal suo arrivo nel Paese del Sol Levante e che viene realizzato nella maniera migliore ma questo non aiuta più di tanto e tanto di più non può fare la sapienza dello Studio Mappa la cui abilità – che qui non si discute – non riesce ad esaltare le varie scene caotiche presenti nell’anime, preferendo concentrarsi sul personaggi di Yasuke e sulla bellezza dei paesaggi del Giappone di quegli anni. Giappone che in Yasuke è colpevolmente il vero grande assente. Non può bastare (o non dovrebbe) il basarsi su fatti storici realmente accaduti per costruire una storia originale; ricamare è una cosa, dare una mano di bianco è tutt’altro. Nel probabile caso producessero una seconda stagione, o qualcos’altro, non la guarderei.

Ciao e al prossimo caffè,

Il Barista Animato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: