9. Dal 2009 un interessante film d’animazione post apocalittico.

Fotogramma di: "9"
Fotogramma di: 9

Nel 2009 Shane Acker dirige 9, lungometraggio animato basato sull’omonimo corto da lui stesso diretto nel 2005.
Una bambola di pezza con un numero 9 riportato sulla schiena si sveglia in una stanza, un laboratorio per la precisione, dove oltre a lui si trova solo un vecchio scienziato ormai morto. 9 abbandona il laboratorio portandosi dietro un curioso oggetto trovato nel laboratorio e comincia ad esplorare la città deserta e distrutta imbattendosi in un suo simile: 2 è un anziano inventore che gli dona una scatola grazie alla quale 9 può finalmente parlare. I due fanno appena in tempo a fare conoscenza che una macchina, la Bestia-Gatto, rapisce 2 e tramortisce, ferendolo, 9. Al risveglio, la bambola si trova in una chiesa abbandonata dove fa la conoscenza di altre bambole: 1, che sembra essere il capo del gruppo, 5 che ha curato 9, 6 – che non sembra essere molto presente a se stessa – e 8 la guardia del corpo di 1. Malgrado 1 si opponga, 9 decide di andare a salvare 2 e, con 5 raggiunge il luogo dove pensano si trovi la Bestia – Gatto; i due raggiungono 2 ma la macchina li attacca ed è solo grazie a 7 – l’unica bambola femmina del gruppo che tutti credevano morta- che uccide la Bestia, che i tre riescono a salvarsi. Con 7 i trovano anche i due gemelli muti 3 e 4 e tutti assieme fanno ritorno al santuario per decidere il da farsi. Il Fabbricante di Macchine però non perde tempo e crea un’altra macchina per attaccare le bambole al santuario; riusciranno gli otto membri del gruppo a sopravvivere alle macchine e a sconfiggerle definitivamente e cos’è quell’oggetto che 9 ha portato via dal laboratorio? Per scoprirlo non vi resta che vedere 9 e accompagnare i protagonisti in un fantascientifico viaggio.

Collage dei characters Poster di: "9"
Collage dei characters poster di: 9

Shane Acker dirige un film ambizioso che va a rimpolpare il corto di quattro anni prima; se un futuro post apocalittico come risultato di una guerra fra l’uomo e le macchine, sia in campo animato sia in campo live action non è certamente una novità, è interessante la scelta di far sì che siano delle bambole a dover combattere e provare a sconfiggere una volta per tutte, le macchine. Bambole cui è stata data la vita, il come lo si scopre man mano che prosegue la storia, e hanno ora il “compito” di riportare la vita sulla Terra.
La regia di Acker è calibrata, con un montaggio semplice ed efficace – la sequenza iniziale cattura fin da subito, come avviene per gli scontri fra le bambole e le macchine – così che la storia posso affascinarci, permettendoci di arrivare alla conclusione senza avere la sensazione che il film sia eccessivamente lungo. I protagonisti sono ben caratterizzati e tutti hanno la loro particolare evoluzione, chiara e ben articolata. A dare quel quid in più è la colonna sonora di Danny Elfman e Deborah Lurie, che sa sottolineare in maniera incisiva ogni momento in cui la musica è presente, assolvendo particolarmente bene al compito sul finale.

Fra i produttori del film c’è anche Tim Burton e quando avrete visto il film (o per chi l’ha già visto) avrete notato sicuramente alcune somiglianze tematiche con alcuni temi della sua filmografia; se siete amanti del regista e animatore di Burbank, questo film potrebbe piacervi davvero.

Ciao e al prossimo caffè,

Il Barista Animato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: